Nuovo assetto urbanistico relativo alle piazze

Mattea Pierino e l’allora nuova Piazza della Repubblica a Mazzè.

Il mancato completamento della Piazza Pertini a Tonengo

(primi anni ottanta del XX secolo)

 

 

Per quanto concerne il capoluogo, i bozzetti disegnati dall’architetto Ferruccio Tartaglia nei primi anni ottanta del XX secolo, illustrano il tentativo di rendere compatibili Piazza Mattea Pierino e l’allora nuova Piazza della Repubblica. La decisione di rendere preminente l’asse rappresentato dai due tholos di fattura classica agli estremi con l’aiuola ex fontana al centro, non lascia dubbi a proposito. A sua volta l’asse mediano est – ovest, evidenziato nel selciato della Piazza della Repubblica mediante l’uso di materiale di colore particolare, pare non avere altro scopo che quello di rimarcare la funzione dell’aiuola quale perno centrale.
Nel tempo i due tholos e l’ aiuola ex fontana furono considerati come elementi a se stanti. Nel restauro, mentre per i timpani si è mantenuto il colore giallo originario, per le colonne si è ritenuto preferire il verde scuro ritenuto più consono all’ambiente, riproponendo i colori dei conti Valperga, signori di Mazzè dal XII al XIX secolo.
Per quanto attiene il bozzetto di Piazza Pertini a Tonengo, l’unica constatazione fattibile è il suo mancato completamento, il che rese la nuova struttura poco gradita e non molto frequentata dalla popolazione.

Ass. Mattiaca

 

I THOLOS DI PIAZZA DELLA REPUBBLICA E PIAZZA MATTEA PIERINO

 

 

Bozzetto di Piazza Pertini a Tonengo

L'assetto di Piazza della Repubblica e Piazza Mattea Pierino visto da Google Heart